NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito web utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Venezia FC, battere il Perugia per crescere ancora di più.

Venezia FC, battere il Perugia per crescere ancora di più.

Con la Serie A ferma a causa della pausa per le nazionali, ecco che nell’inusuale giorno di domenica scende in campo la Serie B. Lagunari impegnati nell’anticipo di mezzogiorno allo stadio Penzo contro il Perugia, in quello che è uno scontro che manca da dodici anni.

Perugia che non sta attraversando un buon momento. Dopo le cinque sconfitte consecutive che avevano aperto una sorta di crisi, a pagare è stato mister Giunti, allontanato dopo il crollo interno contro il Cesena. Al suo posto, la dirigenza umbra ha scelto Roberto Breda, con l’ex tecnico di Ternana, Latina ed Entella chiamato a risollevare le sorti di una squadra che, a inizio anno, aveva stupito per la qualità del gioco messo in mostra.

7f600c781bd6ef74b89d51053fa64f36


Due le gare affrontate dal nuovo Perugia di Breda e sempre due sono i punti conquistati, contro Cremonese e Avellino.

Nonostante un inizio confortante, con quattro vittorie nelle prime sei partite, che aveva portato i grifoni in testa al campionato, ora la squadra ha subìto le conseguenze del pessimo mese di ottobre che hanno fatto precipitare i biancorossi al sedicesimo posto, con un margine di soli due punti sul Cesena, ultimo in classifica.

Tanto il talento a disposizione di Breda, con i tre attaccanti Cerri, Di Carmine e il coreano Han che hanno messo a segno ben quindici delle ventitré reti totali della squadra.

Ma, a fronte del terzo miglior attacco della categoria, colpisce la poca solidità difensiva del Perugia, con i venticinque gol sin qui subiti a testimoniarlo.

Difesa che, invece, continua a essere il punto di forza del Venezia FC di Inzaghi, visto che, dopo i due gol incassati dal Palermo nell’ultimo turno contro il Pescara, quello dei lagunari è tornato a essere il reparto difensivo meno battuto del campionato, al pari proprio dei rosanero.

802ba6d811ef744ee8a045c9d9220ce3


Dopo il finale al cardiopalma del Rigamonti, con la clamorosa rimonta ai danni del Brescia firmata Pinato e Falzerano, il morale degli arancioneroverdi è alle stelle. Quinta posizione in classifica, a pari punti con la Cremonese terza e a due lunghezze dal Frosinone capolista, con una sola sconfitta nelle ultime sette partite, il Venezia FC si sta confermando come vera e propria sorpresa di questa stagione.

Come detto in precedenza, l’ultimo scontro tra le due compagini risale a oltre dodici anni fa. Era il 1° maggio 2005 e si giocò proprio al Penzo l’incontro valido per la 36° giornata di Serie B. A vincere, in quell’occasione, furono gli ospiti, grazie alle reti di Baiocco, Floro Flores, Stendardo e Milanese.

In totale, le partite giocate a Venezia tra lagunari e umbri sono nove: cinque le vittorie degli arancioneroverdi, un pareggio e tre i successi del Perugia.

Quello di domenica pomeriggio, dunque, sarà il decimo scontro al Penzo e avrà un rilevante peso da entrambe le parti. Il Perugia, infatti, vuole continuare il nuovo corso di Breda con una vittoria che ne rilancerebbe le ambizioni. Il Venezia FC, invece, può approfittare dello scontro tra Cremonese e Palermo per scalare posizioni: dovessero pareggiare, ecco che i lagunari si ritroverebbero in seconda posizione scalando ulteriormente la classifica.

8b1190ca0b9859f27b47efafdc794ac8


di Marco Alessandri /In Collaborazione con Positive Magazine


Premium Sponsor

hamaki ho
estra 
jeep
campello motors
alfa romeo
 

Partner

nike
associazionevenezianaalbergatorivenezia unica t